Quando rivolgersi a un nutrizionista

Quando e perché ci si deve rivolgere ad un professionista come il nutrizionista.

Cosa fa il nutrizionista?

È un termine molto usato ed in voga ultimamente in quanto vi è una spiccata tendenza alla cura di se stessi e del proprio corpo, ma in concreto cosa fa il nutrizionista? È una figura che si occupa del rapporto tra nutrizione, alimentazione e stato di benessere psicofisico della persona. Per diventare nutrizionista bisogna essersi laureati in scienze dell’alimentazione e nutrizione umana ed aver seguito uno specifico percorso di specializzazione. Dunque cosa fa il nutrizionista? Si occupa di elaborare diete e profili nutrizionali, oltre a fornire consigli per mantenere uno stile di vita sano ed una corretta alimentazione, andando a migliorare lo stato di salute dell’individuo. Il nutrizionista deve analizzare i bisogni energetici e nutrizionali del suo cliente e gli obiettivi che vuole raggiungere, prestando attenzione ad eventuali patologie che potrebbero andare ad interferire con il nuovo regime alimentare.

Chi è il nutrizionista?

Per rispondere alla domanda “chi è il nutrizionista?” occorre specificare che egli può essere chiamato in causa non solo da un singolo paziente ma anche da una collettività di persone. Esempi perfetti in questo senso sono le diete sane ed equilibrate che vengono realizzare per mense aziendali o scolastiche, per strutture sanitarie come ospedali, case di cura e cliniche o ancora per gruppi sportivi. Inoltre si capisce bene chi è il nutrizionista anche durante le convention divulgative del settore dell’alimentazione e del benessere. Ad eventi e lezioni su questo tema sono infatti spesso chiamati a parlare i nutrizionisti, che intrattengono il pubblico dando consigli per affrontare in modo salutare la vita e nutrirsi al meglio.

Come si svolge una visita dal nutrizionista

Ci si deve rivolgere ad un nutrizionista quando si ha l’esigenza di migliorare le proprie abitudini alimentari. Durante la prima visita dal nutrizionista viene effettuata un’accurata anamnesi patologica e fisiologica del paziente e dei suoi famigliari per individuare possibili malattie, per verificare lo stile di vita e le abitudini alimentari e per prendere nota di allergie e dell’assunzione di farmaci. Si dovrà andare a valutare lo stato nutrizionale prendendo le misure delle circonferenze corporee, del peso e dell’altezza. Durante la seconda visita dal nutrizionista sarà consegnato un piano alimentare personalizzato in continua evoluzione per adeguarsi di volta in volta alle necessità ed ai gusti del paziente. Gli incontri successivi saranno mirati a monitorare l’andamento del percorso nutrizionale del cliente, misurando i progressi in termini di peso, circonferenze e composizione corporea. Fondamentale in ogni visita dal nutrizionista è instaurare sempre più un rapporto di fiducia nutrizionista-paziente.

Chiama ora!