Cos’è il blocco metabolico

Cosa significa blocco metabolico o stallo del peso? Non dimagrisco più: perché? La riduzione o il rallentamento del metabolismo esiste? In questo articolo troverai tutte le risposte a queste domande.

Cosa si intende con blocco metabolico?

Le prime settimane di dieta possono essere considerate da molti una “passeggiata”, notando costantemente una diminuzione dei chilogrammi segnati sulla bilancia. Tuttavia, ad un certo punto, la maggior parte delle persone noterà una situazione di spiacevole stallo del peso corporeo, a cui generalmente si accompagna sconforto, rassegnazione e paura. Si tratta del cosiddetto blocco metabolico, che viene percepito come una sconfitta, un fallimento dal punto di vista terapeutico. È bene sapere che ciò che consente la riduzione del perso è il fatto che il bilancio energetico (composto da energia introdotta meno energia spesa) deve essere obbligatoriamente negativo. In caso di blocco metabolico questa situazione, evidentemente, viene meno.

Come riattivare il metabolismo

Per riattivare il metabolismo è indispensabile ridurre le calorie che vengono immesse nell’organismo durante la dieta ed aumentare l’attività fisica complessiva. Alcuni consigli in tal senso sono alternare i giorni in cui mangi meno carboidrati ad altri giorni in cui ti ricarichi senza però abbuffarti e soprattutto rimanere attivi durante l’intero arco della giornata. Questo è infatti il motivo principale per cui si arriva ad un momento di stallo. Vi sono inoltre alimenti che possono contribuire a riattivare il metabolismo, come caffè, tè verde, cioccolato fondente oppure il pesce – ricco di iodio. Altri trucchi consistono nel mangiare poco e spesso (almeno 5 volte al giorno, 3 pasti e due spuntini) evitando nel modo più assoluto il digiuno che ha come unico effetto quello di rallentare il metabolismo. Sì ad abbondanti colazioni ed attenzione a mangiare lentamente per non ingoiare aria e per facilitare la digestione.

Quali sono i sintomi del blocco metabolico?

Oltre all’evidente cessazione improvvisa della perdita di peso, vi sono molti altri sintomi del blocco metabolico. Allo stesso tempo vi è la tendenza ad ingrassare anche se si mangia pochissimo e si tengono sotto controllo gli alimenti consumati. A tutto ciò si aggiunge una spossatezza spiccata che non si riesce a ricondurre a cause certe. Sintomi del blocco metabolico sono poi la sudorazione eccessiva, comprendente anche sudori freddi, tremori e brividi e pressione bassa con conseguente rischio di svenimenti. Nei casi più gravi è meglio consultare il proprio medico curante, per assicurarsi che alla base non vi sia la presenza di patologie come il diabete o problemi cardiovascolari.

Chiama ora!