Come usare le spezie in cucina al posto del sale

Ecco una panoramica delle spezie più diffuse e delle loro proprietà, compresi i benefici che apportano al nostro organismo.

Le spezie al posto del sale: non solo non fanno male ma sono anche buone

Il sale non è uno dei migliori alimenti da consumare perché fa parecchio male alla salute. Favorisce l’aumento della pressione sanguigna ed è quindi un alimento da tenere molto sotto controllo. Tanto che la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità ne raccomanda un consumo massimo di 5 grammi al giorno per evitare rischi cardiovascolari. Eppure senza sale non è molto piacevole mangiare. Come fare dunque? Semplice basta usare le spezie al posto del sale. I vostri piatti saranno sapidi e gustosi ma senza apportare alcun problema alla salute. Via libera a curcuma e paprica, pepe e cannella, curry e zafferano ma anche peperoncino e chiodi di garofano. Per innamorarvi delle spezie al posto del sale vi basterà provare a marinare o condire i vostri piatti con uno di questi ingredienti. Anche un semplice pollo alla piastra cambierà nettamente il gusto.

Quali sono le proprietà delle spezie

Come detto, le spezie non sono solo buone ma hanno anche numerose proprietà. In particolare molte di esse contengono antiossidanti, sali minerali e vitamine che amplificano le proprietà nutrienti delle spezie e le rendono più sane. Questi alimenti sono inoltre privi di calorie ed aiutano a dimagrire. Hanno infatti una funzione termogenica, ovvero bruciano i grassi ed accelerano il metabolismo. In più aumentano il senso di sazietà inducendo a mangiare meno. Tra le proprietà delle spezie possiamo citare ad esempio quelle della cannella che ha una funzione antiossidante ed antinfluenzale, utile in caso di mal di gola e raffreddore. Inoltre combatte il colesterolo e aiuta a regolarizzare i livelli di zucchero nel sangue.

I benefici delle spezie per il nostro corpo

Continuando nella carrellata dei benefici delle spezie per il nostro corpo, vediamo i chiodi di garofano. Essi sono apprezzati per le loro qualità digestive, tonificanti e analgesiche, tanto che a chi soffre di mal di denti si consiglia di masticare un chiodo di garofano. Anche il cumino spicca per le sue proprietà digestive ed antispastiche, preziose contro le coliche alimentari. Tra i benefici delle spezie non possiamo non citare infine quelli apportati dalla curcuma. Essa ha un potere antiossidante ed antinfiammatorio utile contro i dolori muscolari, lo stress e l’artrite. È importante anche perché ha caratteristiche depurative che aiutano il fegato e contrastano il colesterolo alto.

Chiama ora!